Mostra Personale Galleria La Pigna – Roma
15926
post-template-default,single,single-post,postid-15926,single-format-standard,bridge-core-3.0.1,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-28.7,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.8.0,vc_responsive
 

Mostra Personale Galleria La Pigna – Roma

Mostra Personale presso Galleria La Pigna – Roma
Curata dalla Dott.ssa Leonarda Zappulla, storica dell’arte.

 

Ho conosciuto Paola Salomè circa un anno fa. Rimasi subito piacevolmente colpita dalla sua produzione artistica: già a primo impatto l’opera “La vita”, la prima che vidi, un polittico maestoso dall’aura coinvolgente, era riuscita ad infondere in me quel senso di entusiasmo e gioia che ho poi rintracciato nelle altre sue opere. Avendo conosciuto il suo potenziale non esitai a candidarla al “Premio Vittorio Sgarbi”, proponendola come artista selezionata da me e suggerendo anche un suo studio nell’ambito del progetto I “Narratori del Nostro tempo”, nel quale proprio Vittorio Sgarbi ha commentato la sua produzione affermando: “Paola Salomè è un’artista post naif, questo vuol dire che la sua naiveté non appartiene ad un filone, ad un genere che è quello della favola, quello del racconto di un luogo dove tutto è come nel mondo infantile […] Ecco allora i suoi riferimenti a Chagall, a Gauguin, a Kandiskij, che sono classici moderni che non impongono regole, misure e mestiere, ma semplicemente stati d’animo espressi con una grande purezza”.
Le opere di Paola Salomè sono state esposte alla Fiera di Ferrara, sono presenti in permanenza presso la Galleria Aria Contesa di Roma, e si apprestano all’esposizione presso importanti sedi internazionali, quali il Carrosel Du Louvre di Parigi, il MEAM di Barcellona, la Sleek Art Gallery di Londra e la Scuola Grande di San Teodoro di Venezia.
Grande risonanza per l’artista avrà la prossima pubblicazione sull’Annuario Artisti ’22 Mondadori, all’interno del quale le sarà dedicato un Dossier critico da me stessa redatto. Ho scelto di curare la prima mostra personale di Paola Salomè, “La Gioia di Vivere a Colori”, per raccontare la storia di un’artista che tramite il suo entusiasmo, i suoi colori e la sua gioia è in grado di coinvolgere i fruitori e trasmettere loro importanti messaggi di positività e amore per la natura e la vita. I risultati del suo operato, che si contraddistingue in una cifra stilistica dinamica, variopinta e peculiare della sua personalità solare, la rendono una figura meritevole d’attenzione. La divulgazione dell’operato artistico di Paola Salomè vuole essere uno spunto per ridestare gli animi intorpiditi dal grigio dei giorni che abbiamo vissuto con l’avvento della pandemia e che tutt’oggi tendono ad incupirci a causa della guerra, a cui ancora purtroppo siamo costretti ad assistere: la vivacità dei colori, la fluidità delle linee, il senso di libertà che queste opere emanano attraverso le ampie campiture di grande respiro, esprimono una magia delicata attraverso la quale ognuno di noi può trovare un senso di pacificazione e di armonia con l’universo.
Tutto ciò svela una meditazione intimistica di chi sa guardare il mondo con gli occhi dell’anima.

 

Il linguaggio pittorico di Paola Salomè trae ispirazione dalla realtà, rivelando il vivo desiderio dell’artista di rappresentare la natura irradiata dalla luce della vita. Dalla visione dei suoi dipinti emerge una folgorante energia positiva: l’uso di cromie brillanti e intense caratterizza la sua produzione, costituita da opere in cui il dato figurativo è un punto di partenza da cui sconfinare per dare libera espressione all’estro creativo, che permette all’autrice di rappresentare il vero in maniera spontanea ed istintiva. A partire dall’impostazione coloristica sino a giungere a quella spaziale, le opere della Salomè sono esempip di una ricerca stilistica volta a raffinare il tratto, con lo scopo di dar vita ad un linguaggio essenziale dato per sovrapposizioni che riamandano all’arte pop ma con un’accezione romantica del tutto italiana. Con consapevolezza l’artista dà ritmo alle opere seguendo il flusso della sua immaginazione e delle proprie emozioni, lontana da stilemi o accademismi.
Hanno così origine opere in cui le forme essenziali vengono cristallizzate in un’atmosfera sognante: realtà e fantasia non sono entità contradditorie, bensì coordianate, coesistenti, in armonia tra loro per generare la particolarissima cifra stilistica della pittrice, che coinvolge gli osservatori in un viaggio tra panorami familiari ma sorprendenti, allegri e pacifici.

 

Leonarda Zappulla

Esiste una libertà di cui nessuno individuo può essere privato, quello di scegliere da quale punto di vista guardare il mondo. Paola Salomè ha scelto di guardare alla vita in maniera positiva e gioiosa e la sua opera è il risultato di un’introspezione che non resta fine a se stessa, ma al contrario raccoglie forza interiore da utilizzare verso l’esterno.
Mossa da stupore ed emozione, si pone come traguardo l’armonia e la felicità.
Le sue tele costituiscono riconcializazione tra forme e linee, essenziale sostengno della mente, ed esplosiva e prorompente energia vitale, alimento dello spirito.
Cromatismi incandescenti ed assoluti, vengono modellati attraverso pennellate sapienti di acrilico su tela che producono scie di energia pura, schemi prospettici originati dall’anima che si armonizzano con l’universo.
Attraverso un percorso che è meraviglia per gli occhi e carezza per il cuore, l’artista fa un generoso dono al suo spettatore, lo accompagna per mano sulla strada di una gioiosa rinascita alla vita.

 

Dott.ssa Alessandra De Simone, storica dell’arte

Gallery

Rassegna stampa