Intervista con Leonarda Zappulla
16652
post-template-default,single,single-post,postid-16652,single-format-standard,bridge-core-3.0.1,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-28.7,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.8.0,vc_responsive
 

Intervista con Leonarda Zappulla

Paola Salomè intervistata da Leonarda Zappulla

 

Ogni dialettica artistica è connaturata all’autore nella sua totalità di carattere, esperienze, percorsi, interessi e volontà. I messaggi celati, le simbologie, quelle emozioni che hanno scaturito il processo creativo o che da questo sono state determinate, sono dettagli che solo l’artefice può raccontare, e pertanto l’artefice è il centro della mia ricerca che nell’ambito del progetto UNICI si sviluppa nella realizzazione di interviste agli autori coinvolti al fine di evidenziare le caratteristiche peculiari.

In questo video vi presento Paola Salomè, che dopo essersi affermata come architetto, durante il viaggio della vita si è riscoperta pittrice: è la potenza cromatica, la brillantezza delle tonalità a contrasto, a rendere queste sue creazioni degli autentici inni alla bellezza e alla vita, dei manifesti volti all’esortazione dell’ottimismo, dei motti che incitano alla gioia, che incoraggiano all’esperienza e sollecitano gli animi a destarsi dal torpore dell’apatia. La composizione della nostra fiduciosa autrice è libera, va da sé, esiste ed in quanto tale si manifesta vibrando con spontaneità e facendo a sua volta palpitare le coscienze dei fruitori all’unisono sotto il canto dell’entusiasmo.