Biennale di Venezia
16222
post-template-default,single,single-post,postid-16222,single-format-standard,bridge-core-3.0.1,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-28.7,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.8.0,vc_responsive
 

Biennale di Venezia

Esposizione presso Biennale di Venezia – Padiglione Grenada, presso il Giardino Bianco Art Space.
dal 20 settembre al 02 ottobre 2022

Curatrice Biennale: Stefania Pieralice
Art curator: Ivan Caccavale
Il vernissage è stato presentato dalla Prof.ssa dell’arte Hélène Galante
Opera esposta: La luce della vita

Recensione

Stupore e meraviglia dove si dà gloria all’ordinario: il mare o la volta celeste, dei fiori o distese naturali incontaminate. E la festa di una vita gioiosa quella di Salomè, lei che, come nessun altra, riesce a vestire d’incanto un giorno qualunque. La sua è un’arte dei Miracoli, fatta di respiri, colori, voci che si rincorrono. È nelle tele della Nostra la tregua dal dolore, la pausa dalla paura di chi si sente disarmato dinnanzi alla Bellezza del mondo, di chi percepisce nella carne la voce del vento, l’eco di un bosco o la malinconia della luna. E così due figure si stagliano in un sublime paesaggio, tanto piccole in quell’angolo sterminato dell’universo ma pronte a raccogliere la Luce.
Sono opere che, metaforicamente, anticipano la fioritura delle rose, l’alba dei giorni, la doratura del grano; opere che accorciano le notti peste e cedono il passo agli alberi. E’ un’arte dai colori compatti, puri, talvolta violenti dove le pennellate spesso si fanno libere, che conserva echi e suggestioni Fauves di un Matisse (si veda “La gioia di vivere”, 1906) fino a giungere a quella fede che riluce nei colori brillanti dell’Angelico. Non c’è nulla di semplificato nella trama pittorica, nessuna gestualità sulla tela è causale o ingenua.
Architetto da venticinque anni e figlia d’arte Salomè ora più che mai sente l’esi-
genza di rivolgersi alle “Architetture del Cielo”, rendendo abitabile il deserto dei
sentimenti, guardando con dolcezza quei vivi a cui la vita non riesce.

Stefania Pieralice, curatrice Biennale di Venezia Arte- Padiglione Guatemala e Grenada; Responsabile scientifica dell’Atlante dell’Arte Contemporanea, De Agostini.

Gallery

Rassegna stampa